FIABE E LEGGENDE


Lo gnomo e la formica
fiaba svizzera






Si racconta che in tempi lontani la Svizzera fosse abitata non solo da esseri umani ma anche da gnomi e da giganti. Questi a volte erano buoni e gentili, a volte sgarbati.

A quei tempi dunque, una volpe, un giorno se ne tornava a casa dalla caccia, ma arrivata che fu davanti alla sua tana, la trovò occupata da uno gnomo malvagio.
Disperata la volpe andò allora dal suo amico orso. "Orso, orso amico mio! Ho trovato nella mia tana uno gnomo pestifero che vuole sloggiarmi. Per favore, aiutami!". L'orso consolò la sua amica e insieme si diressero verso la tana. Appena si avvicinarono all'entrata ecco che un vocione minaccioso urlò: "Vattene via di qui, orso...altrimenti ti mangio in un boccone!" A quelle parole l'orso si spaventò e se la diede a gambe abbandonando lì la volpe.

La poverina si disperò, poi decise di chiedere aiuto al lupo. "Lupo, lupo, amico mio! Tornando dalla caccia ho trovato la mia tana occupata da uno gnomo pestifero, che vuole sloggiarmi dalla mia buca. Per favore, aiutami!" Il lupo gentile accettò e insieme si incamminarono verso la tana. Appena giunsero al covacciolo ecco che una voce irosa sbraitò: "Vattene via di qui lupo...altrimenti ti mangio in un boccone!" Il lupo, udite tali parole, fuggì via immediatamente a gambe levate, lasciando la sfortunata volpe con tanto di naso.

La povera bestia non sapeva più cosa fare, infine andò dalla sua amica più piccina, la formica. "Formica, amica mia! Ho trovato nella mia tana uno gnomo pestifero che vuole sloggiarmi dalla mia buca. Per favore, aiutami!" La formica accettò e insieme si diressero verso la tana. Giunte che furono all'entrata, ecco che la solita voce irosa sbraitò: "Vattene via di qui volpe...altrimenti ti mangio in un boccone!".
La formica, rendendosi conto che lo gnomo non l'aveva vista, fece l'occhiolino alla volpe, entrò nella tana e piano piano s’intrufolò nel folto pelo dello gnomo. Arrivata che fu alla pelle, mordicchiò, pizzicò, punzecchiò con una tale tenacia che il perfido gnomo, non sopportando più quel dolore, fuggì via come se fosse inseguito da mille diavoli infuriati.

Fu così che la volpe, grazie alla formica, si riprese la sua tana.




Vai alla Home

ALTRE FIABE E LEGGENDE

Il Filo di Arianna - Fra Storia e Mito Il Vaso di Pandora - Fra Storia e Mito
Le 12 fatiche di Ercole – Fra Storia e Mito Vasilissa la bella-Leggenda popolare Russa
Il rospo incantato-Favola Scandinava Il Primo Uomo-Leggenda popolare Eschimese
Il Granchio Dorato - Leggenda Greca Bopoluchi-Una storia Indiana (Punjabi)
Quel che dice il fumo-Favola africana Potrebbe accadere-Racconto fantastico
Il Lago Bianco e il lago nero-Leggenda svizzera Il Flauto Magico
La creazione dell'Uomo-Leggenda Nativi Americani La bandiera fatata-Leggenda scozzese
L'Uccello di Fuoco-Favola russa Il Figlio del Sole-Racconto pellirosse
Guglielmo Tell-Leggenda svizzera Il primo volo-Storia di mare
La Regina delle Nevi-H.C.Andersen Sampo il Lappone-Zacharias Topelius
Come venne la luce-Leggenda Inuit I Dodici Mesi-Racconto Slavo
Mignolo-Racconto Giapponese I gioielli del mare-Racconto Cinese
Il Fiore di pietra- Favola Russa L'Acqua della vita- Racconto Masai
La sfera di cristallo- Favola dei Fratelli Grimm La zuppa di pietra
La fanciulla verde del lago-Leggenda gallese L'uomo che la sapeva lunga
Lo gnomo e la formica Il pipistrello vanitoso-Fiaba tradizionale Sudamericana