Busto Arsizio

PROSA DIALETTALE



Dopu 'l diaval ghe 'gnü i Fra

Se vuoi ascoltare il brano in dialetto, clicca sulla freccina qui sotto





Ti, Nina dim' un pó che sorta d'un ven ca ti me déi!
Parché, lè bon non? Lè Valpulicella!
Sa ta salta par la menti? Chestu chí lè non nanca Val d'Uona! Lè péna péna un Mericanél rinfurzatu... Ti ga nè chi mia d'oltar, d'un ven?
Sí, gho chi un bon Barbera.
Ciá, daman un quartu! Ma ch'al sia non un Trani prolungatu! Ti sè, daa Bassitalia a rivá chi, una sidéla d'acqua par stazion... Asca chéla cal ga meti dentar ul neguzianti... e chéla ca ti ghi méti dentar ti...

Permessu, pá Tugnen!
Sa ti vœui anca mó, tosigu d'un tosigu! In mancu d'una mezua lé a terza vœulta ca ti végni a secá 'l perdé!
Ghe chi vœun ch'al gha bisœugn da parlá con vü
Chi l'é?
L'é vœun dul Corriere
Che curieri l'é? Ul Ruca o a Ferandina?
Non, ul Curriere, ul giurnal!
Mo ghe anc'ul giurnal ca'l fa ul curieri Büsti-Milan e viceversa! Ciá, fal gní dentar a la svelta! Bonasia sciui!
Buona sera, galantuomo!
Lu podi dí pian e forti! S'esi féi non ul galantom, i sorti in dü: o a füsi dentar in presón o 'ndési a turnu in utumobil!
Siete spiritoso!
Spiritusu! S'o nanca beü un grapén? Ben, cal disa sü a la svelta, s'al vœui da men?
Desidererei sapere quando é sorta la Chiesa del Sacro Cuore e come hanno fatto a venire a Busto i Frati. Ho visitato il Santuario, ho visitato il Seminario, ho visto la Casa del Povero, ho ammirato il bel Teatro. Che meraviglia!
I Frá? Le giastua cinquant'an ch'in chi! Ul prim a gní chi le stéi ul padre Gentile, cunt adré i so frá chi fean ul maistar. Lui ean bon da fa tüscossi e in fina stéi bon da fa scará giú ul salón!
Cosa dite?
A fó inscí par ridi! Ul prim salón le burlá giú, ma senza morti ne feríi. Dopu l'han féi sü anca mó, ma püsé pulidu.
E chi ha promosso l'erezione del convento?
Ah, lü lu sa non parché ghe 'gnü chi i frá? Parché in di sti paragi, ghea chi ul Diaval!!
Il Diavolo? E voi l'avete visto?
Tüci l'han vustu. Se vœun al disea ca l'ea vüstu non, lu cascean via da Büsti!
E cosa faceva il Diavolo?
Sal féa? Al taiea sü tüt'i vidi!
Le viti, che dite mai?
Al déi saé, che fin aa fén deul secul pasá, Büsti l'ea un gran vidúi. E chichinscí, in Strá Balón, l'ea tüta campagna. Ul tranvai, chél a vapui, al fea a so prima fermaa in facia al Benedetu Milani. E candu al sa müea pa 'ndá dent'in Büsti, ga curea dananzi ul Re.
Il Re?
Sí, ul Re dul tranvai, cal sunéa a trumbeta dananzi daa machina par dá u avisu; Scapé tüci ca ga végn ul tranvai e sa ví sutu al va tría tüt'a tochi!
Donca, chichinscí l'ea tüta campagna. E ul Diaval al stea da cá in dul lœugiu dul Furmagéla, dughé ca ghe mó u ustaía dul Lumbardia, pa 'ndá in ves' al vapuren. Sto Diaval al sa divertiéa a taiá i vidi da noci.
Ma una œulta l'a maruná e adré tüci cunt'i fulchi, ranzi e baíti par pudé cepál, ma lü sveltu, saltandu d'una piana e oltra, al sa traéa in füm e i u laséa lí tüci quanti 'me i babióti.
Ul rabél le düá par quindas dí. Egenti da tüt'i parti, Büsti e fuasté. Guardi e carabinieri par lasá 'nda dentar no a fiuaia in dul sumená.
E pœu ul Diaval al s'é chietá. Ma ghe restá a pagüa.
Da sti paragi chi, a Manifatüa l'ea féi sü i cá pa i so uperari e i so impiegai, ma nisœun ga vuéa 'ndá dentar a stá pa a pagüa dul Diaval.
Ul sciur Rubertu Tusi, ca l'ea ul padron daa Manifatüa, sa l'ha pensá? L'ha tœui sü e l'é 'ndei a Milan a cercá i Fra. E candu i Fra in ben stéi chi, ul Diaval al se vüstu pü. Ma sa gh'ea non ul Diaval, i Fra sa insugnéan nanca da gní chi.
E di cosa vivono tanti Frati?
Al sa, lui in bón da báti a catoliga... Pesca da chi, pesca da la; teatar e teatren e süsüemen, ga n'an sempar in pé 'na cai vüna par tiá cá dané. Brava genti, peró, brava genti, brava genti! Mo, al gha bisogn un quaicôs d'ôltar?
Ormai ne so abbastanza. Molte grazie e buona sera.
Ch'al scüsa sciui! Ch'al ma tœua sta curiusitá: i mangian ancamó a büseca chi da Milan?

Carlo Azimonti

Dopo il diavolo sono arrivati i frati



(Traduzione personale)

Dopo il diavolo sono arrivati i frati Tu, Nina, dimmi un po' che razza di vino mi hai dato?
Perch, non é buono? E' Valpolicella!
Cosa ti salta in mente! Questo qui non é neanche Valle dell'Olona! E' appena appena un Mericanello rinforzato...Non ne hai altro di vino?
Sí. Ho qui un buon Barbera.
Va ben, dammene un quarto! Ma che non sia un Trani prolungato! Sai, dalla Bassitalia ad arrivare fin qui, un secchio d'acqua in ogni stazione...Senza contare quella che ci mette il negoziante...e quella che ci metti dentro te...
Permesso, pá Tugnen!
Cosa vuoi ancora, noioso di un noioso! In neanche mezz'ora é la terza volta che vieni qui a disturbare!
C'é uno che ha bisogno di parlare con voi.
Chi é?
E' uno del Corriere
Che corriere é? Il Ruca e la Ferandina?
No, il Corriere, il giornale!
Adesso c'é anche il giornale che fa il corriere Busto Milano e viceversa! Bene, fallo entrare alla svelta!
Buonasera signore!
Buona sera, galantuomo!
Puó dirlo piano e forte! Se non fossi un galantuomo, le cose sono due: o sarei dentro in prigione o andrei in giro in automobile!
Siete spiritoso!
Spiritoso! Se non ho neanche bevuto un grappino! Bene, mi dica alla svelta, cosa vuole da me?
Desidererei sapere quando é sorta la Chiesa del Sacro Cuore e come hanno fatto a venire a Busto i Frati. Ho visitato il Santuario, ha visitato il Seminario, ho visto la Casa del Povero, ho ammirato il bel Teatro. Che meraviglia!
I Frati? Sono giá cinquant'anni che sono qui! Il primo ad arrivare fu Padre Gentile, con i suoi Frati che facevano i muratori. Erano capaci di fare tutto e sono stati perfino capaci di far crollare il salone!
Cosa dite?
Faccio cosí per ridere. Il primo salone é crollato, ma senza morti ne feriti. Dopo l'hanno costruito ancora, ma meglio.
E chi ha promosso l'erezione del convento?
Ah, lei non lo sa perché i Frati sono venuti qui? Perché da queste parti c'era il Diavolo!
Il Diavolo? E voi l'avete visto?
Tutti l'hanno visto! Se qualcuno diceva che non l'aveva visto, lo cacciavano da Busto!
E cosa faceva il Diavolo?
Cosa faceva? Tagliava tutte le viti!
Le viti, che dite mai?
Deve sapere che fino alla fine del secolo scorso, Busto era un gran vigneto. E qui, in Strá Balon (XX Settembre) era tutta campagna. Il tranvai, quello a vapore, faceva la prima fermata di fronte al Benedetto Milani. E quando si muoveva per entrare in Busto, gli correva davanti il Re.
Il Re?
Sí, il Re del tranvai, che suonava la trombetta davanti alla macchina per avvisare: Scappate tutti che arriva il tranvai e se ci finite sotto vi fa tutti a pezzi!
Dunque, qui era tutta campagna. E il Diavolo abitava nel campo del Formagéla, dove adesso c'é l'osteria del Lombardia, per andare verso la ferrovia (nord?) Questo Diavolo si divertiva a tagliare le viti di notte. Una volta l'hanno scoperto e tutti a rincorrerlo con forche, falci e badili per prenderlo, ma lui, svelto, saltando da una pianta all'altra, si trasformava in fumo e li lasciava lí tutti quanti come dei baggiani.
La confusione é durata quindici giorni. Gente dappertutto, di Busto e forestieri. Guardie e carabinieri per non far entrare la marmaglia nel seminato. E poi il Diavolo si é acquietato. Ma é rimasta la paura.
Da queste parti la Manifattura aveva costruito le case per i suoi operai e impiegati, ma nessuno voleva venire ad abitarci per paura di 'sto Diavolo.
Il signor Roberto Tosi, che era il padrone della Manifattura, cos'ha pensato? Ha preso ed é andato a Milano a cercare i Frati. E quando i Frati sono stati qui, il Diavolo non si é piú visto. Ma se non ci fosse stato il Diavolo, I Frati non si sarebbero neanche sognati di venire qui.
E di cosa vivono tanti Frati?
Sa, loro sono bravi a raccogliere offerte... Pesca di qui e pesca di lá; teatro e teatrino e via discorrendo, ne hanno sempre in piedi una per tirare a casa soldi. Brava gente, peró, brava gente, brava gente!
Adesso, ha bisogno di qualcos'altro?
Ormai ne so abbastanza. Molte grazie e buona sera.
Mi scusi signore! Mi tolga questa curiositá: ma la mangiano ancora la trippa quelli di Milano?